D.G. per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi
Sistema Informativo dell'Istruzione - Reti e Infrastrutture
 
PLICO TELEMATICO

Il progetto Plico telematico è stato attivato per la prima volta nella sessione ordinaria degli esami di Stato conclusivi dei corsi di istruzione secondaria di II grado del’a.s. 2011/2012 nell’ambito delle iniziative che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca realizza per semplificare e modernizzare gli adempimenti scolastici mediante le nuove tecnologie.
Il progetto ha previsto la trasmissione telematica delle tracce delle prove scritte, criptate e protette al posto dell’invio dei fascicoli cartacei. Questa fase è stata preceduta da una estesa e significativa sperimentazione che ha visto coinvolte tutte le istituzioni scolastiche statali e paritarie sede di commissione d'esame.

L’innovazione introdotta dal plico telematico era prevista nel D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323Regolamento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore” al primo comma dell’art. 5,  “…Alla trasmissione dei testi può provvedersi in via telematica, previa adozione degli accorgimenti necessari a tutelarne la segretezza”.

Le attività inerenti gli aspetti normativi e procedurali sono stati curati dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e dalla Struttura tecnica per gli Esami di Stato.
Tutti gli aspetti tecnici, tecnologici ed organizzativi sono stati curati da un gruppo di lavoro della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi, che si è avvalso dell’indispensabile collaborazione degli Uffici Scolastici Territoriali nelle fasi di comunicazione e supporto alle scuole.
L’intero progetto è stato attuato in stretta collaborazione con il RTI HP che ha realizzato la soluzione tecnologica.

  • Nomina dei Referenti di sede delle istituzioni scolastiche e modalità di funzionamento del Plico Telematico per l'invio delle tracce delle prove scritte degli esami di stato a.s. 2015-2016
    (Nota prot.n. 1134 del 18 aprile 2016)


 
DIREZIONE GENERALE
 
AREE DI INTERVENTO
 
LA D.G. INFORMA