Home » Istruzione » LSCPI » Politiche linguistiche del CoE
 

 
Le politiche linguistiche del Consiglio d'Europa


Le politiche del Consiglio d'Europa (CoE) si sviluppano all'interno del quadro di riferimento dell'European Cultural Convention (1954) ratificata da 49 Stati e sono finalizzate alla promozione della diversità linguistica e all'apprendimento linguistico nel campo dell'educazione.
La Divisione delle Politiche Linguistiche del CoE, con sede a Strasburgo, ha il compito di implementare programmi intergovernativi a medio termine, con una forte valorizzazione delle attività e degli strumenti per supportare lo sviluppo di politiche educative e linguistiche.
Alle attività della Divisione Linguistica del CoE, si affiancano i programmi lanciati dall'European Centre for Modern Languages (Graz, Austria) che pone invece una particolare attenzione all'implementazione di politiche educative e linguistiche in sperimentazione nei Paesi CoE.
Il quadro di sostegno delle politiche linguistiche si completa con una convenzione "l'European Charter for Regional or Minority Languages" che ha lo scopo di proteggere e promuovere le lingue regionali e minoritarie nella vita quotidiana.