Home » Istruzione » Normativa » 2008 » prot19453_08
 
 
Prot.n. A00DGPERS 19453
 

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’istruzione
Direzione Generale per il personale scolastico
Ufficio VI

Roma, 28 novembre 2008

Oggetto: Piano Insegnare scienze sperimentali – a.s. 2008-2009, seconda fase di attuazione


Si fa seguito alla nota prot.n. 15061 del 18 settembre u.s. per comunicare alle SS.LL. ulteriori elementi informativi di carattere culturale ed organizzativo relativi alla proposta di prosecuzione del Piano di formazione Insegnare Scienze Sperimentali per l’anno scolastico 2008-2009 (avvio della seconda fase di lavoro).

Nella seconda fase di attuazione del Piano ISS si intraprenderanno le seguenti azioni:

a) Validazione delle programmazioni da parte dei Gruppi di Pilotaggio Regionale (GPR) e prosecuzione del confronto dei tutor in presenza e on line.

b) Azione di sostegno-monitoraggio dei presìdi e dei tutor



a) VALIDAZIONE DELLE PROGRAMMAZIONI DA PARTE DEI GPR E PROSECUZIONE DEL CONFRONTO DEI TUTOR IN PRESENZA E ON LINE

A livello territoriale il referente regionale del Piano ISS avrà cura di acquisire le programmazioni dei presìdi e di fornirne copie a tutti i componenti del GPR.

Sarà compito del GPR validare, entro il 15 dicembre 2008, le proposte di programmazione per le attività del presidio dell’ a. s. 2008-2009 al fine di verificarne la coerenza con le finalità del Piano ISS.
La programmazione riguarda attività di ricerca azione sia con le classi sia nell’interazione tra pari nel progettare, gestire e valutare le esperienze didattiche. Nell’allegato A si richiamano le chiavi di lettura che devono guidare le analisi delle proposte da parte del GPR.
A seguito di questa validazione il GPR stilerà una sintetica relazione che faccia anche (eventualmente) riferimento ad alcuni suggerimenti e correttivi proposti ai presìdi in merito alla loro programmazione.

Per coadiuvare i tutor in questa fase, oltre al supporto proposto dai GPR, continueranno in piattaforma i forum predisposti dall’ANSAS, che rimarranno attivi con questa funzione, fino al 30 gennaio 2009. A tal proposito si ribadisce il ruolo rivestito dal’ambiente di formazione predisposto dall’ ANSAS in quanto facilitatore delle relazioni tra presìdi, anche territorialmente lontani.


b) AZIONE DI SOSTEGNO-MONITORAGGIO DEI PRESIDI E DEI TUTOR

Il Gruppo di Pilotaggio Nazionale, riunitosi il 21-11 u.s. ha condiviso la necessità di avviare una azione di sostegno-monitoraggio dei presìdi.
L’azione di sostegno dovrà effettuarsi a livello territoriale, grazie a specifici interventi da parte del GPR, mentre l’azione di monitoraggio sarà coordinata a livello nazionale, sempre attraverso la collaborazione e partecipazione del GPR.
Le azioni che si intraprenderanno avranno il fine di approfondire le modalità con cui i tutor lavorano nel presidio, nelle proprie classi e sul territorio, completare il panorama delle esperienze in corso, migliorare la comprensione dei processi che si stanno sviluppando, proporre ai tutor momenti di riflessione sulle proprie azioni, diffondere le informazioni sulle potenzialità dei presìdi a livello regionale e nazionale e sostenere la confrontabilità. (ALLEGATO B)
Pertanto, il GPR avrà cura di:

  • condividere il documento di sostegno-monitoraggio dei presìdi,

  • chiedere a ciascun presìdio la disponibilità a candidarsi quale presìdio accogliente dell’azione di sostegno–monitoraggio,

  • raccogliere le autocandidature,

  • nominare il componente del GPR che farà parte del team di sostegno-monitoraggio della Regione,

  • scegliere, fra le autocandidature dei presidi, 2 presìdi della regione da coinvolgere nell’azione di sostegno-monitoraggio (in caso di autocandidature in numero superiore a 2 o in assenza di candidature procedere con un sorteggio).

  • delegare il referente regionale a relazionare in merito alle attività svolte dai presìdi e dal GPR al seminario di Roma che si svolgerà nel mese di gennaio 2009.


Il referente regionale del Piano ISS manterrà le relazioni fra il GPR, i presìdi ed il GPN.

L’USR designerà il referente regionale ed il componente del GPR che parteciperanno al seminario di Roma.

Gli organi competenti delle Province autonome di Trento e Bolzano e della Regione autonoma della Valle d’Aosta valuteranno l’opportunità di aderire al Piano nazionale secondo i tempi e le modalità che riterranno più opportuni.

Con successiva comunicazione saranno fornite ulteriori informazioni in merito ad aspetti non approfonditi con la presente nota.

Nel ringraziare per l’attenzione, si resta a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

IL DIRETTORE GENERALE
Luciano Chiappetta

 Allegati
 Allegato AScarica
 Allegato BScarica
 Destinatari
Ai Direttori generali degli Uffici scolastici
regionali LORO SEDI

Alla Provincia Autonoma di BOLZANO
Intendenza scolastica italiana

Alla Provincia Autonoma
Dipartimento Istruzione
TRENTO

Alla Regione Autonoma Valle d’Aosta
Settore dell’ Educazione e della Cultura
AOSTA

Ai Componenti dei Gruppi di pilotaggio
nazionale e regionali, del Piano ISS
Ai Componenti del Comitato scientifico Piano ISS
Ai Dirigenti scolastici dei presìdi
territoriali del Piano ISS
Ai Docenti che svolgono funzione tutoriale nel Piano ISS
LORO SEDI

e,p.c. Al Capo Dipartimento per l’Istruzione
Al Capo Dipartimento per la programmazione
Al Direttore Generale per gli ordinamenti del sistema
nazionale di istruzione e per l’autonomia scolastica
Al Direttore Generale per lo Studente, per l’Integrazione,
la Partecipazione e la Comunicazione
Al Direttore Generale per gli affari internazionali
LORO SEDI

Al Presidente del Gruppo di lavoro Interministeriale per
lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica
SEDE

Al Direttore dell’Agenzia Nazionale per lo
Sviluppo dell’Autonomia scolastica (ex INDIRE)
Via M. Buonarroti, n. 10 –
50122 FIRENZE