Home » Ministero » La Ministra » Comunicati Stampa » 2016 » cs020516
 
 

Ufficio Stampa

Roma, 2 maggio 2016

Presentato al Miur Programma per la Ricerca da 2,5 mld
Giannini: “Strategia nazionale per rendere Paese competitivo”

2,5 miliardi di fondi pubblici per la ricerca. Programmi innovativi per aumentare il numero di ricercatori in Italia e dall’estero. Investimenti mirati sulle Infrastrutture. Quattro aree prioritarie per la ricerca applicata: Aerospazio, Agrifood, Salute, Industria 4.0. Più sinergia fra sistema pubblico e privato. Un programma strategico per il Sud.

Questi i punti centrali del Programma Nazionale per la Ricerca (PNR) presentato questa mattina dal Ministro Stefania Giannini dopo l’approvazione definitiva di ieri al CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica). Il Programma destina oltre il 40% delle risorse totali al Capitale Umano, con l’obiettivo di aumentare il numero di ricercatori e dottori di ricerca nel Paese e di attrarre i migliori talenti. In particolare è previsto l’ingresso di 6.000 giovani (dottori e ricercatori) in più rispetto agli stanziamenti ordinari. Vengono triplicati i fondi per le Infrastrutture di ricerca.

Alla presentazione del PNR hanno partecipato il Presidente del Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr) Massimo Inguscio, il Presidente della Conferenza dei rettori (CRUI) Gaetano Manfredi e il vice Presidente di Confindustria Marco Gay.

“Il PNR individua le priorità per la ricerca per rendere il nostro Paese più competitivo a livello internazionale, soprattutto nella competizione per i fondi europei - ha ricordato il Ministro Giannini - Il Programma è frutto di un lungo lavoro e rispetto allo stanziamento inizialmente previsto siamo riusciti ad ottenere il 25% di risorse in più che ci consentiranno, fra l’altro, di incrementare il numero di dottori e ricercatori nel nostro sistema. Individuare priorità strategiche vuol dire niente più finanziamenti a pioggia o a microprogetti, ma stanziamenti individuati secondo precisi parametri e una precisa valutazione”.

Il PNR prevede programmi innovativi sul capitale umano per attrarre studiosi dall’estero e sostenere i più giovani nella competizione per l’ottenimento di fondi UE. Attenzione viene data ai vincitori di Grant europei (ERC) che saranno incentivati a scegliere l’Italia come sede per i loro progetti attraverso finanziamenti aggiuntivi per la creazione di un loro team di ricerca.

“Il sistema universitario - ha aggiunto il Presidente della Crui, Gaetano Manfredi - accoglie con soddisfazione il varo del PNR; oltre il 70% della ricerca italiana viene sviluppato negli atenei e questo Programma non può che avere ricadute importanti. Spesso i nostri giovani - ha aggiunto Manfredi - sono attratti da condizioni più favorevoli negli altri Paesi, quindi noi dobbiamo fornirgli prospettive, stabilità, risorse, facilità di inserimento. Le risorse per l’ERC vanno sicuramente in questa direzione”.

“È un dato positivo che oggi venga presentato un Piano, uno schema di indirizzo secondo il quale muoversi. Il PNR ci dà gli strumenti per una ricerca eccellente e per tornare a una sinergia con il mondo universitario. Il PNR sarà molto importante anche per rilanciare il Sud”, ha commentato il Presidente del Cnr Massimo Inguscio.

“Questo Programma è l’inizio, e costituisce un pezzo importante, di una visione di politica industriale a medio e lungo termine - ha concluso il Vice Presidente di Confindustria Marco Gay -. Auspichiamo una governance comune per l’attuazione del Programma e il nostro impegno per questo c’è fin da ora”.

Le slide:
http://www.slideshare.net/miursocial/programma-nazionale-per-la-ricerca

Il video:
https://www.youtube.com/watch?v=_5kG0R-3pJo


 Allegati
  Programma nazionale per la ricercaScarica