Home » Ministero » La Ministra » Comunicati Stampa » 2015 » cs070115
 
 

Ufficio Stampa

Roma, 7 gennaio 2015

Domani al Miur l’insediamento dell’Osservatorio per l’edilizia scolastica
L’ultima riunione nel 1998, quasi venti anni fa
Faraone: “Da governo segnali reali di attenzione”

Riparte l’Osservatorio per l’edilizia scolastica con la prima riunione di insediamento domani al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, alle ore 15.00. Presiede i lavori il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone. L’Osservatorio, rinnovato nelle sue funzioni grazie ad un accordo raggiunto a febbraio scorso in Conferenza Unificata, torna in attività dopo quasi venti anni: l’ultima volta si era riunito nel 1998. Partecipano ai lavori, oltre al rappresentante del Miur, rappresentanti del Ministero dell’Economia e delle Finanze, del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Presenti, inoltre, rappresentanti dell’Anci (l’Associazione dei Comuni), dell’Upi (l’Unione delle Province) e del Coordinamento delle Regioni. All’Osservatorio spetta un’attività di supporto nella programmazione e attuazione degli interventi di edilizia scolastica, soprattutto con lo scopo di armonizzare l’elaborazione del piano nazionale e dei piani regionali.

"La ripartenza dell’Osservatorio e dell’Anagrafe dell’Edilizia sono un segnale chiaro di quanto il tema della sicurezza delle scuole stia davvero a cuore a questo Governo - sottolinea il sottosegretario Faraone - Che l'edilizia scolastica sia una priorità lo dimostrano non solo le parole, ma i numeri. Nel corso di quest'anno verranno aperti circa 1.600 cantieri per la messa in sicurezza di plessi scolastici e che rientrano nel capitolo di interventi #scuolesicure. Altrettanti saranno i cantieri di #scuolenuove. Si stimano poi quasi 600 interventi di efficientamento energetico e almeno 100 nuove scuole da realizzare con fondi Inail. Per quanto riguarda il filone #scuolebelle, entro la primavera del 2016, si interverrà per la manutenzione e l'abbellimento di circa 15.000 istituti".