Home » Ministero » La Ministra » Comunicati Stampa » 2016 » cs241116bis
 
 

Ufficio Stampa

Roma, 24 novembre 2016

Ricerca, Giannini: “Da Cdm ok definitivo a ‘Sblocca-Enti’”
Meno burocrazia, più autonomia gestionale

Via libera in Consiglio dei Ministri al decreto che semplifica l’attività degli Enti pubblici di ricerca (EPR), 21 in tutto, di cui 14 vigilati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Si alleggerisce così il carico burocratico sugli Enti che avranno anche più autonomia nella gestione del budget e nell’assunzione del personale.
“Si tratta di un provvedimento molto atteso - sottolinea il Ministro Stefania Giannini -, un vero e proprio Sblocca-Enti. Enti che vengono finalmente equiparati alle Università in termini di autonomia statutaria e gestionale”.

Per la prima volta gli Enti pubblici di ricerca avranno un riferimento normativo comune, che elimina molti dei vincoli gestionali previsti per la PA. Un sistema di regole più snello e più appropriato alle esigenze del settore. Il decreto prevede anche il recepimento della carta Europea dei ricercatori per garantire più libertà di ricerca, portabilità dei progetti, valorizzazione professionale, adeguati sistemi di valutazione.

Assunzioni più libere, favorito il rientro dei cervelli
Per assumere ricercatori e tecnologi, italiani e stranieri, soprattutto giovani, gli Enti non dovranno più attendere l’autorizzazione del Ministero competente. Né avere un posto libero nella propria pianta organica. Come accade già per le Università, gli Enti che hanno risorse per farlo potranno assumere liberamente, entro il limite dell’80% del proprio bilancio. L’unico vincolo sarà il rispetto del budget. Vengono favorite la mobilità dei ricercatori, la portabilità dei progetti di ricerca, il rientro dei cervelli. Grazie al decreto lo sblocco del turnover al 100% scatterà già nel 2017, in anticipo di un anno.

Stop burocrazia
Gli Enti vengono svincolati dal ricorso obbligatorio al mercato elettronico per gli acquisti di attrezzature scientifiche, eliminati i controlli preventivi sui contratti per esperti e collaboratori professionali, regole più flessibili per le spese di missione.