Home » Ministero » La Ministra » Comunicati Stampa » 2010 » cs291110
 
 

Ufficio Stampa

Milano, 29 novembre 2010

Edilizia scolastica, 50 milioni di euro per la Lombardia

Al via i lavori per 152 interventi più urgenti


Il ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Mariastella Gelmini ha presentato oggi gli interventi più urgenti previsti in Lombardia dal Piano straordinario per l'edilizia scolastica. Alla regione è stata assegnata la quota più consistente dei fondi a disposizione, quasi 50 milioni di euro.

Con lo sblocco di 358 milioni, la prima tranche del miliardo che il governo ha complessivamente stanziato per l'edilizia scolastica, il Piano straordinario ha individuato i 1.706 interventi più urgenti per la messa in sicurezza delle scuole da realizzare in tutta Italia. Di questi 152 riguardano proprio gli edifici scolastici della Lombardia. Nella provincia di Milano i lavori interesseranno 54 edifici, per un investimento di 17.350.000 euro, mentre nel solo Comune si prevedono 25 interventi, finanziati con 7.870.000 euro.

I 152 interventi prioritari sono stati individuati grazie ad un monitoraggio degli edifici che ha riguardato sia gli elementi strutturali (strutture portanti, coperture, intonaci, impianti di riscaldamento, impianti idrico, impiant igienico sanitario), sia gli elementi non strutturali (controsoffitti, tramezzature, parapetti, data di costruzione e ultima ristrutturazione, stato di conservazione ed eventuale degrado, rischio sismico, presenza di barriere architettoniche, presenza di amianto, certificazione antincendio, idoneità statica). L'importanza di questi ultimi è stata dimostrata anche dalla tragica vicenda del Liceo Darwin di Rivoli. Dopo l'intesa raggiunta nella Conferenza Stato-Regioni il 28 gennaio 2009, sono state costituite 466 squadre tecniche che hanno svolto sopralluoghi nelle scuole di tutte le regioni italiane. Solo in Lombardia sono state attivate 35 squadre che hanno svolto controlli in 5.432 scuole, monitorando così oltre l'86% degli edifici scolastici della Regione. A seguito dei sopralluoghi, solo una scuola è stata dichiarata completamente inagibile.