Home » Ministero » La Ministra » Focus » 2014 » focus211014
 
 

Il Ministro Giannini agli Stati Generali della Lingua Italiana

Roma, 21 ottobre 2014

Ne "la Buona Scuola ci sarà spazio per la formazione di docenti qualificati a insegnare l'italiano come seconda lingua. Perché non basta essere italofoni per insegnarlo, bisogna avere una preparazione ad hoc. I tempi sono maturi per una classe di concorso specifica che valorizzerà figure che spesso esistono già grazie ad una preparazione universitaria all'avanguardia".
Lo ha detto il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Stefania Giannini in occasione degli Stati Generali della Lingua Italiana a Firenze, l'iniziativa voluta dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con Miur e Mibact.
Un'occasione per approfondire le correnti strategie di diffusione dell'italiano all'estero e per fare il punto, in modo costruttivo, sulle nuove sfide da affrontare, in contemporanea con l'avvio della XIV Settimana della Lingua Italiana nel Mondo.
Diversi i soggetti coinvolti nell'azione di riflessione sulla promozione della nostra lingua e cultura all'estero: scuole e università, docenti e allievi, studiosi, ricercatori, enti gestori dei corsi per le comunità italiane all'estero, Ambasciate, Consolati, Lettorati e Istituti Italiani di Cultura.
Una grande vivacità che dimostra quanto il tema delle potenzialità della nostra lingua sia sentito nel nostro Paese e presso le comunità di italiani e italofoni in tutto il mondo.